martedì 7 ottobre 2008

VIVA BERLUSCONI


Scusate, ma lo devo dire: Viva Berlusconi!!
Veltroni cercherà sempre di eguagliarlo, ma una misera copia non sarà mai come l'originale.

Ma come si può essere così servili, striscianti, nauseanti??? Titolo de Il Corriere: "Veltroni:crisi, pronti a collaborare". Risposta di Silvio: "Chi se ne frega". Bravo!!!
Sono stanca di queste preghiere per avere una parte nel governo del paese, ce ne sono decine ogni settimana da quando Berlusca è al governo! Basta!!!
Non lo sopporto più!!!
Veltroni, un altro lavoro ce l'hai: continua a scrivere su Ciak (nota: per chi non lo sapesse, Veltroni ha una rubrica sul mensile di cinema Ciak, edito da MONDADORI) e lascia in pace la politica italiana!!!

11 commenti:

Fabio Lamon ha detto...

senza offesa, ma forse sei tu a dover lasciare perdere la politica... di fronte ad una crisi del genere una offerta di dialogo è il minimo che un'opposizione possa fare (o almeno un'opposizione con un briciolo di responsabilità), si chiama opposizione costruttiva, cioè qualcosa che non si vede da decenni nella politica italiana...
Dire "bravo" per un gesto del genere è una vergogna, anche se inserito sotto il tag "satira".

la giustiziera della notte ha detto...

Non sai se faccio politica e non puoi sapere come la faccio, dato che in questo blog utilizzo un alter ego. O forse mi conosci? Frequenti kilombo e non hai un blog. Questo è il mio blog e scrivo le mie impressioni. La mia era una provocazione. In generale, un politico che dice "me ne frego" per me è innanzitutto un cafone. La mia era un'affermazione dettata dall'esasperazione.
Non ritengo che un'opposizione costruttiva sia offrire sempre il proprio appoggio in qualsiasi materia. Un'opposizione costruttiva secondo me è quella che sa spiegare all'opinione pubblica perché il governo sta sbagliando e cosa invece dovrebbe fare, senza strillare e fare inutili battibecchi.Veltroni alterna gli strilli alle prove di dialogo. Questa è la mia opinione. Ma forse, sai, non me la prendo tanto con Veltroni, ma con chi gli sta intorno. I veltroniani sono diventati come i berlusconiani. Il capo non sbaglia mai. Spirito critico zero.
Per quanto riguarda la satira, io la intendo come il tafano del potere. e dato che il bravo a berlusconi era una provocazione e anche il viva berlusconi, non ci ho visto alcun male ad aver inserito il post sotto quel tag.
Avrei altre cose da dire.. ma le lascio per il continuo della discussione se mai dovesse esserci.

Pino Amoruso ha detto...

Ciao in questi giorni stò diffondendo una iniziativa attraverso il mio blog. Ho lasciato molti commenti in blog diversi perchè ritengo che ora più che mai bisogna fare "RETE"...
Se la pensi anche tu come me, clicca sul mio blog e diffondi l'iniziativa.

Se ti ho contattato nei giorni scorsi, considera qs mio commento come un saluto...

A presto ;)

Adduso ha detto...

Padruni e mitaderi

Alcuni anni addietro, nel secondo governo Berlusconi (mi pare) andava in onda un programma in cui il comico Corrado Guzzanti, che peraltro da qualche tempo è scomparso dalla televisione, impersonava un noto rappresentante dell’attuale PD, ed indimenticabile era la frase, rivolta a Berlusconi: “non ti scordà degli amici”.

Mi capita a volte di chiedermi cosa sia il PD, in quanto la PDL mi è visibilmente più evidente vivendo io in Sicilia, dove non riesco mai a disgiungerla dalla parola “mafia”.

Ma il PD proprio non riesco ad identificarlo.

Tuttavia, una persona che alcuni anni addietro militava nei vecchi DS, mi raccontava attonita, e poco prima che i DS si “mutassero” definitivamente in PD (come i “visitors”), che durante le famose “primarie” dell’epoca, si era sentita dire più volte “quannu a vutari pu mitaderi votu pu patruni” .

Ha scoperto poi il significato di quella frase con l'improvviso annuncio che i DS erano diventati PD. Per la cronaca, quella persona di cui ho parlato, milita, seppure piuttosto isolata e come lei alcuni altri, nella SD.

L’unica cosa di cui mi sembra di potere essere certo, è che gli ex DS ed oggi PD, con le loro scelte che sembrano ispirate da “vecchi DC”, hanno regalato la Sicilia alla peggiore politica e istituzioni più presuntuose, prepotenti e prevaricatrici (“mafiose”) che abbiamo mai avuto e dalla quale non vedo più come se ne uscirà con questa indecifrabile “mitadere” opposizione.

la giustiziera della notte ha detto...

Per Pino amoruso:
lancio volentieri la nostra iniziativa.

Adduso ha detto...

Oggi mentre esaminavo il problema che segue, ho approfondito meglio l’origine di chi ha proposto l’emendamento di cui parlo di seguito e mi sono fatto conseguentemente anche un’idea un po’ più precisa di cosa potrebbe essere il PD o meglio di quali “poteri” rappresenterebbe.
Una cosa però mi è parsa palese, ovverosia che così come si presenta non sembra certo un partito della gente comune, ma quello di altre “lobby” che non sarebbero quelle della PDL.

"La fine della Giustizia ed il ritorno prossimo del locale 'capo bastone'"
Approfitto di questo cortese spazio, per potere contestare in tutti i modi che la rete ci consente, uno dei peggiori emendamenti, che “castra” deliberatamente il processo civile in danno del cittadino comune.
Infatti, “… il governo è stato recentemente battuto alla Camera su un emendamento del Pd alla manovra economica in materia di giustizia civile. L'emendamento riguarda l'appello nel processo civile, dichiarando non ammissibile il ricorso in Cassazione contro una sentenza di appello che confermi quella di primo grado. Presentato da Donatella Ferranti del Pd, viene giudicato tecnico in ambienti del governo e della maggioranza, perché introdurrebbe un ulteriore filtro rispetto a un dato specifico …” (http://www.pupia.tv/modules.php?name=News&desc=full&file=article&sid=4067);
Spero che nelle file dell’opposizione, qualcuno si possa rendere conto del gravissimo danno fatto ai comuni cittadini, soprattutto noi meridionali, che saremo ridotti che alla fine, per non soccombere davanti ad una notoria (senza generalizzare) “giustizia” locale preorganizzata e quindi non consumarci economicamente ed esistenzialmente, per risolvere i nostri problemi e conflitti, ci rivolgeremo come in passato ai “capi bastone” della zona.
Si è ancora in tempo per tornare indietro, perché si deve pure esprimere il Senato, affinché non ci mettiate attorno al collo di noi persone del SUD, anche questo “laccio mafioso”, in quanto per noi sarebbe veramente la fine e stavolta … “senza Cassazione”.

articolo21 ha detto...

Non avevo mai visitato il tuo blog. Mi piace. Ti mando un saluto. Il post è una provocazione più che giusta. Saluti.

Giuseppe ha detto...

Ma perchè tanto accanimento contro Veltroni?
Davvero stupefacente!

Adduso ha detto...

Per Giuseppe

Per carità “nulla di personale”.
Qui non è una questione contro Veltroni o altri sogggetti, in quanto metterla sul piano personale, a mio modesto avviso, è sempre un modo, peraltro visibilmente diffuso nella nostra dialettica, per eludere i veri problemi, basta vedere persino il generale antiberlusconismo utilizzato palesemente dallo stesso centrodestra per fuorviare l’attenzione sul "marcio" politico istituzionale che poi c’è manifestatamente nella nostra nazione.

Ma che il PD faccia scelte che sembrano l’altra faccia della PDL come fossero un’unica moneta, mi pare oltremodo vero e per l’ennesima volta corroborato nel (fascista) emendamento di cui nel mio commento sopra. E come questo caso, anche altre prese di posizione, come pure quello del tema del post di questo blog. Anzi, al riguardo mi chiedo e domando, perché questa insistenza nel volere collaborare con il governo nonostante lo sprezzo di quest’ultimo ??? Sembra quasi un rapporto sadomaso.

la giustiziera della notte ha detto...

Adduso, condivido totalmente.
Articolo 21, grazie!!

articolo21 ha detto...

Ricambio lo scambio di link :)