domenica 25 ottobre 2009

Situazione drammatica e dimenticata nella Repubblica democratica del Congo

How can you be sitting there
Telling me that you care -
That you care?
When every time I look around,
The people suffer in the suffering
In everyway, in everywhere.
...
I tell you what: some people got everything;
Some people got nothing;
Some people got hopes and dreams;
Some people got ways and means.

Bob Marley, Survival


Violenze silenziose e dimenticate nella Repubblica Democratica del Congo.
Migliaia e migliaia di persone sono sfollate e gli attacchi perpetrati dal gruppo ribelle ugandese della Lord's resistance Army sono di una brutalità inaudita. Medici senza frontiere, in molte località l'unica organizzazione umanitaria presente nel paese, racconta di bambini costretti a uccidere i propri genitori e di persone bruciate vive nelle loro case.
Nel marzo 2009, MSN ha pubblicato il rapporto, relativo all'anno 2008, sulle dieci più gravi emergenze umanitarie nel mondo totalmente ignorate dai telegiornali italiani:

  • la crisi sanitaria nello Zimbabwe;
  • la catastrofe umanitaria in Somalia;
  • la situazione sanitaria in Myanmar;
  • i civili nella morsa della guerra nel Congo Orientale (RDC);
  • la malnutrizione infantile;
  • la situazione critica nella regione somala dell'Etiopia;
  • i civili uccisi o in fuga nel Pakistan nord-occidentale;
  • la violenza e la sofferenza in Sudan;
  • i civili iracheni bisognosi di assistenza;
  • la coinfezione HIV-TBC.
Come viene osservato nel rapporto, "Un evento drammatico che coinvolge un connazionale risulta più notiziabile di avvenimenti o di situazioni che interessano magari un numero maggiore di vittime, ma che sono culturalmente e geograficamente più lontane" (pagina 25). E così, alla questione somala i telegiornali della Rai e di Mediaset dedicano complessivamente 178 servizi, di cui 93 riguardano cittadini italiani coinvolti nella crisi.
A proposito della malnutrizione infantile: un "anno di fame", come definito nel rapporto, si merita 110 notizie, un "inverno di influenza" 121. Allo Zimbabwe, paese nel quale l'aspettativa di vita è di 34 anni e dove a fine agosto 2008 scoppia un'epidemia di colera, vengono dedicate 12 notizie, mentre all'estate di Briatore e della Gregoraci 33 notizie. E all'Etiopia, dove dominano malnutrizione e assenza di assistenza sanitaria, in totale, in un anno 6 servizi.

Per il rapporto dell'anno 2008, cliccare qui.
Qui trovate invece i rapporti degli anni precedenti.
Da notare: la notizia su Medici senza frontiere è datata 14 ottobre. Il Corriere ha fatto un articolo sull'argomento il 23 ottobre.

7 commenti:

Stefania ha detto...

Aggiungerei anche la popolazione dei Saharawi. Mi permetto di linkarti il mio post.

http://lapalombellarossa.blogspot.com/2009/11/marocco-nuovi-metodi-per-abortire-e.html

www.LiberaReggio.org ha detto...

OT

E' iniziata la campagna di diffusione banner BLOG NO PONTE in vista della manifestazione nazionale a Villa San Giovanni il 19 dicembre
e della cerimonia per "la posa della prima pietra" del 23 dicembre.

Per saperne di più, ed eventualmente aderire, clicca qui
http://www.liberareggio.org/2009/12/01/speciale-noponte-passaparola-contro-speculazione-aderisci-blog-no-ponte/

Adduso ha detto...

In questo "mondo" in cui i soldi sono sempre e solo l'unico vero dio, anche se poi ufficialmente in molti lo denigrano, il Congo e quindi le sue popolazioni si trovano schiacciati dai grandi interessi affaristici per l’estrazione dei minerali che ci sono nel suo sottosuolo e per la disponibilità di legno pregiato a basso costo.
Emblematico è il coltan, che viene raccolto in condizioni infernali dalle popolazioni locali e che è più importante dell'oro in quanto è alla base della fabbricazione delle attuali batterie per l'elettronica e la telefonia.
http://www.peacelink.it/kimbau/a/10997.html

Un sentito augurio per il Nuovo Anno alla “giustizieradellanotte”

Anonimo ha detto...

Salve, vi abbiamo inviato una mail di invito al progetto Net1News, l'avete ricevuto? Cosa ne pensate?
Per noi è molto importante, grazie
Giusepe Rizzo
giuseppe.rizzo@net1news.oirg

DA VEDERE ha detto...

MA PERCHè CE NE DIMENTICHIAMO?

http://www.youtube.com/watch?v=MAveryDlGmk

Anonimo ha detto...

ciao sono skiatto

ti andrebbe uno scambio link?

io ho un blog di satira politica:
http://www.skiatto.blogspot.com

se ti piacciono i contenuti puoi anche pubblicarli sul tuo blog...

cooksappe ha detto...

aggiornaci!