domenica 24 febbraio 2008

www.19luglio1992.com


Dal blog di Benny Calasanzio

Sono veramente felice di potervi comunicare che finalmente il lungo cammino per la preparazione del sito www.19luglio1992.com e' arrivato alla sua conclusione e da oggi il sito e' accessibile sebbene ancora in fase di evoluzione. Da oggi comincia un altro cammino che e' quello di riempirlo di contenuti ed utilizzarlo per quello che ci eravamo prefissi a Luglio dell'anno scorso quando cominciai a parlarvi del nostro Progetto 19 Luglio 1992 il cui obiettivo e' quello di fare di questo sito il punto di aggregazione per tutte le persone e le organizzazioni operanti sulla rete che anelano ad un paese diverso, tendono alla ricerca della verita' e della giustizia ed hanno la capacità di contribuire a questa ricerca e a questa strategia. L'idea base e' quella di realizzare una sinergia al lavoro di tanti che sulla rete fanno un lavoro splendido ma che spesso rimane confinato solo all'interno di questo mondo a causa dell'analfabetismo informatico della massa della gente e della mancanza di osmosi con il mondo dell'informazione tradizionale.Questa e' la barriera che dobbiamo riuscire a superare per portare il mondo della rete, che costituisce in Italia, ma anche nel mondo, l'ultimo baluardo della democrazia, a sfociare nel mondo esterno.La forza per realizzare questo compito ci verra' dalla nostra sete di verita' e dalla rabbia di vederla quotidianamente calpestata e mistificata, dai politici, dagli organi di informazione. da quella che e' ormai diventata la "casta" dei giornalisti che ha portato alla completa o quasi estinzione di una stampa libera nel nostro disgraziato paese.I contenuti del sito saranno quindi focalizzati sulle questioni inerenti la lotta alla criminalita' mafiosa, alle inadempienze, se non alle responsabilita' dirette dello Stato a questo riguardo, alla collusione di tanti appartenenti a quelle che e' oggi la consorteria dei politici in Italia.Per il momento ho inserito nel sito tutte le mie lettere aperte scritte dal 17 Luglio dell'anno scorso, giorno in cui decisi di ricominciare a parlare dopo sette anni di silenzio, ad oggi.E' gia' operativa una rassegna stampa che verra' aggiornata, se possibile, giornalmente da una delle mie piu' valide collaboratrici, la professoressa Vanna Lora.Un altro insostituibile componente del nostro gruppo, Marco Bertelli, curerà dalla Germania, dove per ora vive, due rubriche "I Mandanti occulti", il cui nome ne identifica gia' i contenuti, e "Cronache Marziane", che saranno operative dalla prossima settimana... Un'altra giovane collaboratrice della prima ora, Desiree Grimaldi, curera' la sezione dove verranno raccolte tutte le interviste di Paolo, sia video sia su stampa, e la trascrizione delle sue "lezioni" sulla mafia.Il sito ospitera' pure i contributi del Prof. Enzo Guidotto, amico di Paolo, uno dei massimi conoscitori del fenomeno mafioso e consulente della Commissione Parlamentare Antimafia.Mi scuso con tutti gli altri miei collaboratori, che aspettavano con impazienza l'apertura del sito per potere cominciare a dare il loro contributo, perche' non ve li elenco singolarmente, avrete modo di conoscerli appunto attraverso quanto pubblicheranno sul sito stesso. La prima collaborazione "esterna" mi e' gia' arrivata ed e' stata gia' pubblicata, si tratta di una bellissima "Lettera a Paolo" che mi e' stata spedita da Giulia, una ragazza di soli 13 anni ed e' stata scritta da sua sorella Martina, una ragazza di 18 anni che, come altri giovani che ho conosciuto sulla rete, ha giurato a se stessa e a Paolo di diventare Magistrato per potere continuare il suo lavoro e realizzare il suo sogno. Nel sito sono pure riportate le date e le localita' di una serie di incontri facenti parte di un ciclo denominato "Cultura della Giustizia" che mi porteranno in piu' di 20 citta' d' Italia a portare la mia testimonianza (e la mia rabbia) insieme con Benny Calasanzio, Enzo Guidotto, Giocchino Basile ed altri che parteciperanno di volta in volta. Per l'organizzazione di questi incontri ringrazio in particolare i ragazzi dei MeetUp di Beppe Grillo che da ogni parte si stanno prodigando per permetterli. Tra tutti voglio pero' almeno nominare Barbara Olivo, del MeetUp di Cervignano del Friuli che ne' e' il vero e insostituibile motore. L'ultimo ringraziamento a mio figlio Marco che, da solo, mi ha strutturato il sito e continuera' a supportarmi (e a sopportarmi) dal punto di vista tecnico. Aspetto con impazienza le vostre critiche e i vostri suggerimenti, il nostro sito www.19luglio1992.com deve crescere con voi e insieme a voi. Prego tutti quelli che frequentano blog o forum di inserire il link al nostro sito o di farlo conoscere,

a presto
Salvatore Borsellino

4 commenti:

Dario Trivelli ha detto...

http://cubacris.iobloggo.com/archive.php?eid=45

vergogna!

WWW.VERGOGNATEVI.COM

www.annozero.rai.it = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

www.beppegrillo.it = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

roberto giacobbo = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

alessandro cecchi paone= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

alessandra mussolini = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

daniela santanchè = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

milo infante = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

pino insegno = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

roberta lanfranchi = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

nando dalla chiesa= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.


giulietto chiesa = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

lorena bianchetti = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

www.jesolo.it = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

www.angelismarriti.it= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

gerri scotti = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

maurizio costanzop shock = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

paolo bonolis = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

andrea vianello = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

giovanni floris = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

alba parietti = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

simona izzo = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

gene gnocchi = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

caterina balivo = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

silvestro montanaro= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

simkona ventura = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

piero chiambrtetti = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

festival di sanremo = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

pippo franco = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

agropoli = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

francesco rutelli = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

romano prodi = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

franco giordano = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

giovanni russo spena = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

comunisti = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

walter veltroni = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

salerno = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

www.vincenzodeluca.it = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

www.striscialanotizia.it = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

michele cucuzza = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a


pippo baudo = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

mike bongiorno= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

enrico mentana = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

bruno vespa = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

luca laurenti= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

michele santoro = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

marco travaglio= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

elisabetta canalis = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

maddalena corvaglia = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

massimo giletti = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

pasquale la ricchia = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

paola barale = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

paola perego = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

sara varone = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

buona domenica = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

domenica in = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

i fatti vostri = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

piazza grande = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a


rita dalla chiesa = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

marco senise = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

novi velia = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

www.pieroricca.org = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

gene gnocchi = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

giancarlo magalli = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

giancarlo giovalli= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

giancarlo giannini= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

giancarlo filippone= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

giancarlo filippis = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

giancarlo de filippis = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

giancarlo de filippi = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

maria de filippi = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

simona izzo= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

simona ventura= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

valeria marini = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

roberto giacobbo = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

raoul bova = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

carlo verdone = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

riccardo scamarcio = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

emilio fede = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

edmondo russo = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

flavio insinna= m.e.r.d.a.= m.o.n.n.e.z.z.a.

silvia romaniello= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

daniele russo = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

angelo raffaele russo = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

vincenzo russo = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

pina guzzo = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

filomeno positano = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

antonio rubino = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

silvio russo = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

bar o trappito = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

mirko bianchini = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

teresa ricco = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

adele splendore = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

angela gugliucci = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

maura gabriele = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

vincenzo scalone = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

vincenzo liguori = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

dario trivelli = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

umberto trivelli = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

pompeo trivelli = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

federica ruocco = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

francesca rizzo = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

luciana d'apolito = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

vincenzo mazzeo = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

luca taddeo = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

giuseppe taddeo = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

antonello guida = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

luca scantamburlo = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

giuseppe merola = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

giuliana merola = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

tonia merola = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

pietro merola = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

carmela santi = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

rete 7 = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

vallo della lucania = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

maria rosaria battagliese = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

angelo villani= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

adriano ferolla = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

pisciotta = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

camerota= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

centola = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

futani = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

cannalonga= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

pellare = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

moio della civitella = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

casalvelino = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

adriana volpe = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

michele guardi = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

ascea marina = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

ascea paese = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

cilento = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

http://www.cilento.it/ = M.E.R.D.A. = M. O. N. N. E. Z. Z. A .

http://it.wikipedia.org/wiki/Cilento = M.E.R.D.A. = M. O. N. N. E. Z. Z. A .

http://www.cilentonelmondo.it/ = M.E.R.D.A. = M. O. N. N. E. Z. Z. A .

http://www.cilentodoc.it/ = M.E.R.D.A. = M. O. N. N. E. Z. Z. A .

http://www.cilentocasavacanze.it/ = M.E.R.D.A. = M. O. N. N. E. Z. Z. A .

http://www.cilentocase.it/ = M.E.R.D.A. = M. O. N. N. E. Z. Z. A .

http://www.pncvd.it/ = M.E.R.D.A. = M. O. N. N. E. Z. Z. A .

http://www.parks.it/parco.nazionale.cilento/ = M.E.R.D.A. = M. O. N. N. E. Z. Z. A .

http://www.cilentonaturaltravel.com/ = M.E.R.D.A. = M. O. N. N. E. Z. Z. A .

http://www.cilentonet.it/ = M.E.R.D.A. = M. O. N. N. E. Z. Z. A .

http://digilander.libero.it/robomont/ = M.E.R.D.A. = M. O. N. N. E. Z. Z. A .

2001 roberto bocchino = M.E.R.D.A. = M. O. N. N. E. Z. Z. A .


http://www.105tv.it/ = M.E.R.D.A. = M. O. N. N. E. Z. Z. A .


Ultimo aggiornamento: 15 luglio 2007
e-mail


= M.E.R.D.A. = M. O. N. N. E. Z. Z. A .


http://www.terradeimiti.com/ = M.E.R.D.A. = M. O. N. N. E. Z. Z. A .

www.ilcastellodisansergio.com = M.E.R.D.A. = M. O. N. N. E. Z. Z. A .

sergio friscia = M.E.R.D.A. = M. O. N. N. E. Z. Z. A .


I.T.A.L.I.A. = B L O B = M.E.R.D.A. = M. O. N. N. E. Z. Z. A .



http://fainotizia.radioradicale.it/2007/05/26/napoli-la-mondezza-brucia-ma-i-commissari-straordinari-per-lo-smaltimento-guadagnano-diecimila-euro-al-mese

http://giovanedemocratico.blogspot.com/2008/01/mondezza.html


http://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20080120053932AApObqV

http://www.legnostorto.com/index.php?option=com_content&task=view&id=20247&Itemid=26


http://www.agoramagazine.it/agora/spip.php?article1455

http://www.napoli.com/viewarticolo.php?articolo=19677


http://segnalo.alice.it/tag/mondezza

http://www.blogcatalog.com/post-tag/mondezza/

WWW.MERDA.IT

WWW.MONDEZZA.IT


E’ dall’anno scorso che se ne parla, la regione Campania, ha un grosso problema di rifiuti, in questi ultimi mesi poi se ne è parlato abbastanza – e comunque mai troppo - l’argomento è alquanto “maleodorante” se non addirittura troppo forte.
Se da un lato, Napoli soffoca sotto i cumuli della propria immondizia, nonostante disponga di vari siti per il deposito, di inceneritori e di termoconvertitori mai attivati.
Dall’altro alcuni comuni della stessa regione si rifiutano di ricevere l’immondizia “amica” con proteste addirittura violente, perchè??
Il sindaco, Rosa Russo Jervolino, e il presidente della regione Campania Bassolino, di cui riporto una breve nota curiosa (il 31 luglio 2007 è stato richiesto il rinvio a giudizio dalla Procura della Repubblica di Napoli per i presunti reati che avrebbe commesso durante il periodo tra il 2000 e il 2004 come commissario straordinario per l'emergenza rifiuti in Campania.) non sono riusciti a risolvere il problema!!!
Talmente sono stati “latitanti” che è dovuto correre in loro aiuto “l’amico” nonché presidente del consiglio Romano Prodi, che nomina dopo lo stesso Bassolino, un altro commissario straordinario per l’emergenza rifiuti, De Gennaro, questi con l’aiuto dell’esercito ordina che l’immondizia napoletana venga spostata da una regione all’altra dell’Italia, mentre Prodi dall’alto della propria seggiola grida e incita il popolo all’unione Nazionale…….alcune di queste regioni (quelle di sinistra) l’hanno accolto l’appello, altre invece pongono un netto rifiuto.!!!
Non c’è dubbio che sarà una soluzione tampone, e che, tra un paio di mesi tutto tornerà come prima.


http://www.notv.it/forums/mondezza-tra-un-t86358.html

http://degradodiroma.wordpress.com/2007/12/17/inciampando-nella-mondezza/

Inciampando nella mondezza

Camminare per Roma ed “inciampare” su della mondezza è un fatto frequente. L’AMA non riesce ad offrire un servizio di qualità e non riesce a coprire un territorio come Roma. Forse è una azienda che potrebbe andare ad offrire i suoi servigi in una cittadina, in un paese .. forse a fronte delle ridotte dimensioni dello stesso, potrebbe chissà servire ottimamente i suoi cittadini


http://isabella.allblog.it/2008/01/08/la-mondezza-napoletana-fa-il-giro-del-mondo/

http://it.redtram.com/go/71011603/

http://www.ilpiave.it/modules.php?name=News&file=article&sid=5588

http://www.equilibriarte.org/eqforum/topic&topic_id=1104&page=7


italia = www.mondezza.it

http://www.macchianera.net/2004/06/28/la_monnezza_campana_e_un_bene.html

http://napoli.indymedia.org/node/2134

http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=231909

http://oltrelamonnezza.splinder.com/

http://it.wikipedia.org/wiki/Corruzione
La corruzione è, in senso generico, la condotta propria del pubblico ufficiale che riceve, per sé o per altri, denaro od altre utilità che non gli sono dovute.

In effetti il concetto di corruzione è riconducibile a diverse fattispecie criminose, disciplinate nel Codice Penale, Libro II - Dei delitti in particolare, Titolo II - Dei delitti contro la pubblica amministrazione. Le relative fattispecie criminose sono tutte accomunate da alcuni elementi:

reati propri del pubblico ufficiale
accordo con il privato
dazione di denaro od altre utilità
Quindi, la corruzione è categoria generale, descrittiva dei seguenti reati:

art. 318 c.p. - Corruzione per un atto d'ufficio
art. 319 c.p. - Corruzione per un atto contrario ai doveri d'ufficio
art. 319ter c.p. - Corruzione in atti giudiziari
art. 320 c.p. - Corruzione di persona incaricata di un pubblico servizio
In base all'art. 319 codice penale il pubblico ufficiale che, per omettere o ritardare o per aver omesso o ritardato un atto del suo ufficio, ovvero per compiere o per aver compiuto un atto contrario ai doveri di ufficio, riceve per sé o per un terzo, denaro o altra utilità, o ne accetta la promessa, è punito con la reclusione da due a cinque anni. Di questo reato (corruzione per un atto contrario ai doveri d'ufficio, art. 319 cod. pen.) può essere ritenuto responsabile anche un Consigliere Regionale per comportamenti tenuti nella sua attività legislativa. In base alla definizione dell'art. 357 cod. pen. è pubblico ufficiale anche colui che esercita una funzione legislativa. È priva di fondamento la tesi secondo cui nell'esercizio di un'attività amministrativa discrezionale, ed in particolare della pubblica funzione legislativa, non può ipotizzarsi il mercanteggiamento della funzione, nemmeno qualora venga concretamente in rilievo che la scelta discrezionale non sia stata consigliata dal raggiungimento di finalità istituzionali e dalla corretta valutazione degli interessi della collettività, ma da quello prevalente di un privato corruttore. Non è applicabile la speciale guarentigia sanzionata dal quarto comma dell'art. 122 della Costituzione secondo cui i Consiglieri Regionali non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell'esercizio delle loro funzioni. Questa speciale immunità non trova applicazione qualora il Consigliere Regionale non sia perseguito dal giudice penale per avere concorso alla formazione ed alla approvazione di una legge regionale, ma per comportamenti che siano stati realizzati con soggetti non partecipi di tale procedimento al fine di predisporre le condizioni per il conseguimento di un vantaggio illecito.

http://www.corruzione.it/

Campania, arrestato per corruzione consigliere regionale Pd
mercoledì, 20 febbraio 2008 1.04
Versione per stampa

NAPOLI (Reuters) - Un consigliere regionale della Campania già indagato per camorra è stato arrestato con l'accusa di corruzione nell'ambito di un'inchiesta su alcuni appalti immobiliari "pilotati". Lo ha reso noto oggi la Procura di Napoli.

Roberto Conte, oggi consigliere regionale del Pd ma eletto nelle fila dei Verdi, è agli arresti domiciliari insieme ad altre cinque persone, tra cui imprenditori, un medico e un ex dirigente del Consiglio regionale.

Nel 2005, dicono gli inquirenti, in qualità di questore dell'assemblea regionale addetto alle finanze Conte propose di reperire locali per gli uffici del Consiglio. Ma prima che iniziasse la valutazione delle diverse offerte, è l'accusa dei pm, il politico avrebbe costituito con alcuni imprenditori una società immobiliare (la Europa Immobiliare srl) di cui era socio occulto, grazie a un prestanome.

In questo modo, dicono ancora gli inquirenti, sarebbe stata pilotata la gara per il reperimento degli immobili, vinta dalla stessa società Europa con un contratto di 421.522 euro all'anno, che prevedeva anche il pagamento da parte del Consiglio regionale di una serie di spese accessorie per servizi affidati, senza gara di appalto, al Consorzio Cesa, altra azienda legata agli satessi imprenditori.

Nel fascicolo di accusa, i pm napoletani sostengono che "aldilà di ogni specifica vicenda le indagini hanno dimostrato che esiste oggi a Napoli un sistema ben più sofisticato per stipularte accordi corruttivi tra pubblici ufficiali e imprenditori".

Secondo i magistrati "non vi è più, come in passato, il classico pagamento delle mazzette ma, in vista di iniziative determinate o di stanziamento di fondi pubblici... si vengono a costituire società occulte tra esponenti della politica, della burocrazia e imprenditori, in modo che i vantaggi economici che ne derivano siano costantemente ripartiti tra costoro".

http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Italia/2008/02/corte-conti-appalti-corruzione.shtml?uuid=b102293e-d3d8-11dc-8046-00000e25108c&type=Libero

Troppa corruzione in appalti, forniture e sanità. Nella relazione per l'inaugurazione dell'anno giudiziario 2008 il procuratore generale della Corte dei conti Furio Pasqualucci denuncia il «pagamento di tangenti correlato ad artifici e irregolarità connesse a fattispecie della più diversa natura». Aumentano le condanne per danni materiali e all'immagine della Pubblica amministrazione pronunciate dalla Corte dei Conti in seguito al pagamento di tangenti per concussione o corruzione durante la stipula di contratti.


Basta, poi, con sanatorie contabili che «appaiono incuranti dei loro effetti sui bilanci pubblici». Pasqualucci, passa in rassegna i condoni introdotti dalle finanziarie e si sofferma su due sanatorie contenute nel decreto milleproroghe attualmente all'esame della Camera per la conversione in legge: la prima esonera l'Istat dal giudizio di responsabilità per non aver applicato le sanzioni previste in caso di mancata risposta ai questionari da parte delle imprese; l'altra riduce ancora di più le pregresse responsabilità dei concessionari per la riscossione. Quest'ultima misura, meglio conosciuta come condono fiscale, era stata introdotta dalla finanziaria 2005, ed era stata seguita, nel 2006, da un condono erariale che ha permesso di ridurre in modo consistente (dal 10% al 30%) il pagamento delle condanne per danno erariale decise con sentenze di primo grado. «Alle nuove prospettive della responsabilità amministrativo contabile disegnata dal legislatore e all'ampliamento della giurisdizione ai nuovi soggetti gestori di servizi pubblici e destinatari di pubbliche sostanze - fa notare Pasqualucci - fanno stridente contrasto alcune espressioni di recente produzione normativa, che appaiono incuranti dei loro effetti sui bilanci pubblici».

Nel corso degli ultimi anni, sottolinea il procuratore generale della Corte dei conti, c'è stata la richiesta di una azione sempre più ampia e penetrante del giudice contabile contro le molteplici forme di spreco del pubblico denaro. La tutela erariale è stata integrata con nuove tecniche, come ad esempio la «tipicizzazione delle condotte antigiuridiche» cui vengono associate varie forme di reazione dello Stato, dalla nullità dell'atto amministrativo adottato fino a risarcimenti o sanzioni.

Pasqualucci ha poi richiamato l'attenzione sull'alto numero di condanne (13 nel 2007) inflitte all'Italia dalla Corte di giustizia Ue per violazioni in larga parte legate direttamente o indirettamente alla mancata applicazione delle normative europee in materia di rifiuti. «Le ripetute violazioni di regole comunitarie da parte del nostro Paese - dice Paqualucci- è segnale che merita la più attenta considerazione e una assunzione precisa di responsabilità per i notevoli danni, patrimoniali e non, che vengono arrecati all'intera collettivita».


http://www.sun-web.net/23maggio92/

web.net/23maggio92/images/falcone.gif

Vorremmo raccogliere la memoria nazionale su un tema che magari appare un po' usurato dalle celebrazioni paludate.
Quello che vi chiediamo è d'inviarci un breve testo di non più di trenta righe in cui raccontate cosa stavate facendo il pomeriggio della strage di Capaci.
Ciascun contributo diventerà la tessera di un mosaico che andremo a comporre: il mosaico delle memoria nazionale.
A poco a poco i contributi verranno cuciti tra di loro e poi anche narrati e rimandati in rete attraverso questo sito.
aspettando i vostri racconti

http://it.wikipedia.org/wiki/Giovanni_Falcone

http://www.urpcomunicazioni.it/utilita/dm314-92.htm

La strage di Capaci [modifica]
Questa voce o sezione non riporta fonti o riferimenti.
Per favore migliora questa voce aggiungendo citazioni da fonti attendibili (aiuto, partecipa!).
Il materiale non verificabile può essere messo in dubbio e valutato secondo le linee guida sull'uso delle fonti.

Falcone muore nella strage di Capaci il 23 maggio 1992[3]. Una carica di 1000 chili di tritolo posizionata in un tunnel sotto il tratto di autostrada nei pressi di Capaci, fa saltare in aria l'auto blindata su cui viaggiano i tre agenti della scorta. [4] Un errore di Giovanni Brusca, nel premere il pulsante del detonatore, colpisce con il tritolo la prima autovettura, con la scorta, che precedeva di pochi metri quella del giudice. Lui e la moglie, per il fatto di non avere indossato le cinture di sicurezza, vengono proiettati violentemente contro il parabrezza e il volante, poiché l'auto si schianta contro il muro di cemento e pietre che si era improvvisamente innalzato davanti a loro. L'autista, che sedeva sul sedile posteriore, ma con la cintura, resta infatti vivo e riporta solo lievi ferite. Il giudice Falcone aveva deciso di guidare lui stesso la macchina, e l'autista era passato dietro.

Pertanto Falcone e la moglie muoiono all'ospedale non per l'esplosione dell'auto - diversamente sarebbero certamente morti sul colpo - ma per il tremendo impatto contro il parabrezza.


Volantini recanti una citazione del giudice Falcone: Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini
Insieme a Falcone e alla moglie Francesca Morvillo, magistrato anche lei, muoiono gli agenti di scorta Rocco Di Cillo, Vito Schifani e Antonio Montinaro. All'esecrazione dell'assassinio, il 4 giugno si unì il Senato degli Stati Uniti, con una risoluzione (la n. 308) intesa a rafforzare l'impegno del gruppo di lavoro italo-americano, di cui Falcone era componente[5].


L'eredità [modifica]

« Un uomo fa quello che è suo dovere fare, quali che siano le conseguenze personali, quali che siano gli ostacoli, i pericoli o le pressioni. Questa è la base di tutta la moralità umana »
(J.F.Kennedy)

Al magistrato sono state dedicate molte scuole e strade. A Falcone e al suo collega Paolo Borsellino è stato dedicato anche l'Aeroporto di Palermo-Punta Raisi.

http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/travels/sub_index1992/trav_campania_it.htm

http://reset.netsons.org/modules/news/article.php?storyid=96


http://progettomediterraneo.blogspot.com/2007/05/il-23-maggio-1992-moriva-il-giudice.html

http://www.pibua.net/index.php/2007/05/23/23-maggio-1992-ore-1759/

http://www.youtube.com/watch?v=fi0B_HHe0t4

http://www.youtube.com/watch?v=F5MZmJLMQ9Y

http://digilander.libero.it/inmemoria/strage_capaci.htm

La strage di Capaci (23 maggio 1992)

[ Su ] [ Il pool antimafia ] [ Giovanni Falcone (biografia) ] [ La strage di Capaci ] [ Borsellino: chi contrastò Falcone ] [ Csm: Meli 14 voti, Falcone 10 ] [ Paolo Borsellino (biografia) ] [ Borsellino: chi è Mangano ] [ Borsellino: ultima intervista ]

nella pagina: le immagini - STRAGI (articolo di Pierluigi Vigna)





Cliccando sulle immagini è possibile vederle ingrandite:

Sono le 17,48 quando su una pista dell'aeroporto di Punta Raisi atterra un jet del Sisde, un aereo dei servizi segreti partito dall'aeroporto romano di Ciampino alle ore 16,40. Sopra c'è Giovanni Falcone con sua moglie Francesca. E sulla pista ci sono tre auto che lo aspettano. Una Croma marrone, una Croma bianca, una Croma azzurra. E' la sua scorta, erano stati raggruppati dal capo della mobile Arnaldo La Barbera.
Una squadra affiatatissima che aveva il compito di sorvegliare Falcone dopo il fallito attentato del 1989 davanti la villa del magistrato sul litorale dell'Addaura. La solita scorta con Antonio, Antonio Montinaro, agente scelto della squadra mobile che, appena vede il "suo" giudice scendere dalla scaletta, infila la mano destra sotto il giubbotto per controllare la pistola.
Tutto è a posto, non c'è bisogno di sirene, alle 17,50 il corteo blindato che trasporta il direttore generale degli Affari penali del ministero di Grazia e giustizia è sull'autostrada che va verso Palermo.
Tutto sembra tranquillo, ma così non è. Qualcuno sa che Falcone è appena sbarcato in Sicilia, qualcuno lo segue, qualcuno sa che dopo otto minuti la sua Croma passerà sopra quel pezzo di autostrada vicino alle cementerie.
La Croma marrone è davanti. Guida Vito Schifani, accanto c'è Antonio, dietro Rocco Di Cillo. E corre, la Croma marrone corre seguita da altre due Croma, quella bianca e quella azzurra. Sulla prima c'è il giudice che guida, accanto c'è Francesca Morvillo, sua moglie, anche lei magistrato. Dietro l'autista giudiziario, Giuseppe Costanza, dal 1984 con Falcone, che era solito guidare soltanto quando viaggiava insieme alla moglie. E altri tre sulla Croma azzurra, Paolo Capuzzo, Gaspare Cervello e Angelo Corbo. Un minuto, due minuti, la campagna siciliana, l'autostrada, l'aeroporto che si allontana, quattro minuti, cinque minuti.
Ore 17,59, autostrada Trapani-Palermo. Investita dall'esplosione la Croma marrone non c'è più. La Croma bianca è seriamente danneggiata, si salverà Giuseppe Costanza che sedeva sui sedili posteriori. La terza, quella azzurra, è un ammasso di ferri vecchi, ma dentro i tre agenti sono vivi, feriti ma vivi. Feriti come altri venti uomini e donne che erano dentro le auto che passavano in quel momento fra lo svincolo di Capaci e Isola delle Femmine.
Fu Buscetta a dirglielo: "L'avverto, signor giudice. Dopo quest'interrogatorio lei diventerà forse una celebrità, ma la sua vita sarà segnata. Cercheranno di distruggerla fisicamente e professionalmente. Non dimentichi che il conto con Cosa Nostra non si chiuderà mai. E' sempre del parere di interrogarmi?".
Giovanni Falcone, "Cose di Cosa Nostra" (Rizzoli, 1991): "Si muore generalmente perché si è soli o perché si è entrati in un gioco troppo grande".


25 maggio 1992: i funerali.

http://digilander.libero.it/inmemoria/borsellino_biografia.htm

http://it.wikipedia.org/wiki/Maurizio_Costanzo = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

« Consigli per gli acquisti »
(Maurizio Costanzo, prima di ogni blocco pubblicitario)

Maurizio Costanzo (Pescara, 28 agosto 1938)(mondezza di roma 229 agosto 2007) è stato un giornalista, conduttore televisivo, sceneggiatore e regista italiano.

Biografia [modifica]
Di genitori ortonesi, frequenta il liceo classico "Giulio Cesare" a Roma. Sposato prima con Lori Sammartino, poi con Flaminia Morandi dalla quale avrà due figli, Camilla e Saverio, dopo una convivenza con Simona Izzo, e un terzo breve matrimonio con la conduttrice Marta Flavi, il 28 agosto 1995 si sposa per la quarta volta con Maria De Filippi, conosciuta cinque anni prima, che lavora come presentatrice di alcuni talk show su Canale 5.

La carriera [modifica]
Inizia la sua carriera nel 1957 come cronista nel quotidiano romano Paese Sera e dopo pochi anni diventa caporedattore della rivista Grazia.

Nel 1963 debutta come autore radiofonico per uno spettacolo affidatogli da Luciano Rispoli - allora caposervizio del varietà a Radio RAI - dal titolo Canzoni e nuvole, condotto da Nunzio Filogamo.

Conduce la trasmissione radiofonica Buon pomeriggio con Dina Luce.

Verso la fine degli anni settanta, appare in numerosi spettacoli televisivi improntati ad un genere allora agli albori, quello del 'talk show (Bontà loro, Acquario); esperienza che lo porta a ideare il suo spettacolo più famoso, il Maurizio Costanzo Show. Talk show, registrato al teatro Parioli di Roma di cui Costanzo è direttore artistico.

Contemporaneamente, assume nel 1978 la direzione de La Domenica del Corriere e nell'autunno del 1979 del giornale scandalistico L'occhio (edito dalla Rizzoli). La testata, promotrice di una campagna a favore della pena di morte (in seguito al sequestro del magistrato Giovanni D'Urso), è lasciata da Costanzo a causa dell'insuccesso di vendite nel marzo 1981, venendo chiusa nel dicembre, per il coinvolgimento di Angelo Rizzoli, l'editore, nella Loggia P2. La poliedricità di Costanzo si manifesta anche in alcune sue trasmissioni televisive a carattere maggiormente "popolare" come il programma domenicale Buona Domenica, che inizialmente conduce alternandosi con Corrado (dal gennaio 1985) e poi da solo come conduttore principale fino all'edizione 1986/1987. Vi fa ritorno nel 1996 e ci rimane per 10 anni. Nelle ultime edizioni da lui presiedute diventano ospiti fissi soubrette, protagonisti di reality show e del gossip: tali presenze saranno confermate con il passaggio della conduzione del programma a Paola Perego, nel 2006. Scrive per il quotidiano Il Messaggero, per i settimanali Gente e Panorama.

Nel 2004 pubblica un libro edito da Mondadori, Chi mi credo di essere, nel quale si confessa apertamente su svariati temi anche relativi al suo passato con la collaborazione del giornalista Giancarlo Dotto. Nel 2006 vede la luce E che sarà mai?.

Direttore artistico di Canale 5, riveste importanti cariche presso la società Mediaset e intrattiene anche rapporti di consulenza con la rete TV LA7.

È stato autore di diverse opere teatrali, fra le quali Cielo, mio marito! (scritta con Marcello Marchesi); sceneggiatore di molti film; co-ideatore del personaggio Fracchia, interpretato da Paolo Villaggio; autore del testo della famosa canzone Se telefonando insieme a Ghigo De Chiara, con la musica di Ennio Morricone, portata al successo da Mina. Nel 1977 partecipò alla stesura della sceneggiatura del film di Ettore Scola, Una giornata particolare. Nel 1978 dirige anche un film, l'ironico Melodrammore, ultimo film di Amedeo Nazzari.

A febbraio 2005 chiude il Maurizio Costanzo Show per protesta contro lo sforamento dei programmi di prima serata che lo costringevano ad andare in onda a tarda notte. Con il programma mattutino Tutte le mattine, iniziato nel 2004, Costanzo unisce il talk show all'attualità. Il Maurizio Costanzo Show riprende il 16 settembre 2005 sul digitale terrestre Mediaset.

Da settembre 2006 Tutte le mattine si trasforma: diventa pomeridiano, viene introdotto il pubblico e il nome cambia in Buon Pomeriggio, già titolo di un suo fortunato programma radiofonico degli anni settanta condotto in coppia con Dina Luce. Lasciata Buona domenica, Costanzo si riserva la fascia preserale domenicale con Conversando, programma di interviste e attualità. È presente su Italia 1 con Altrove - Liberi di sperare, trasmissione dedicata alla vita nelle carceri. Infine su Rete 4 cura una rubrica intitolata Il grande cinema italiano dove vengono presentati famose pellicole italiane del passato che vengono poi trasmesse.

A gennaio 2007 conclude il programma Conversando per riproporre il Maurizio Costanzo Show, ogni giovedì sempre su Canale 5. Da aprile 2007 conduce su Rai Radio Uno la trasmissione L' uomo della notte dalle 00.20 circa all' una, alternando telefonate, musica e riflessioni su temi d' attualità.


L'attività politica e massonica [modifica]
Nel 1980, direttore del neonato telegiornale Contatto (primo notiziario nazionale non RAI in onda sull'emittente della Rizzoli PIN - Primarete Indipendente), viene coinvolto nello scandalo del ritrovamento della lista degli aderenti alla loggia massonica P2. La sua tessera è la numero 1819 (il suo fascicolo il numero 626) con la qualifica massonica di maestro. Inizialmente nega con decisione l'appartenenza alla loggia (sebbene solo pochi mesi prima avesse fatto sensazione una sua intervista a Licio Gelli, pubblicata sul Corriere della Sera), poi sostiene di essere stato iscritto a sua insaputa, infine ammette la sua partecipazione in un'intervista televisiva a Giampaolo Pansa.

Nella loggia P2 stringe rapporti con un altro illustre massone iscritto, Silvio Berlusconi, che anni dopo lo vorrà nelle sue reti commerciali. Alcune trasmissioni di Maurizio Costanzo, nel corso degli anni 2000, diverranno, secondo i detrattori, l'espressione più tipica della "Tv-Spazzatura".

Nel 1986, nonostante le sue precedenti simpatie per il PCI, si candida per il Partito Radicale.

Nonostante abbia amichevoli rapporti con Berlusconi, anche recentemente ha affermato di votare per il Partito Democratico di Walter Veltroni.


L'impegno contro la mafia [modifica]
Amico del giudice Giovanni Falcone, ospite alle sue trasmissioni, Costanzo si impegna come uomo e giornalista nella lotta alla mafia. In seguito all'omicidio di Libero Grassi, appena un mese dopo Costanzo e Michele Santoro realizzano una maratona Rai-Fininvest contro la mafia. Memorabile rimane la scena in cui Costanzo brucia in diretta una maglietta con scritto "Mafia made in Italy".

Proprio questo suo impegno sembra essere la causa, il 14 Maggio 1993, di un attentato mafioso o quello che doveva apparire tale. Il deputato Giuseppe Ayala, ex magistrato del pool antimafia, teme che "quanto accaduto segni l'inizio di una strategia della tensione" ed è scettico sul fatto che obiettivo dell'attentato fosse Costanzo, sostenendo che "un carico di esplosivo così potente si giustifica solo se si vuole colpire un'auto superblindata" e la mafia purtroppo ha dimostrato, in tutti gli attentati che ha portato a termine, di riuscire sempre a colpire l'obiettivo.[1]. Un'utilitaria imbottita di novanta chilogrammi di tritolo esplode in via Ruggiero Fauro (vicino al teatro Parioli) al passaggio di una Mercedes blu presa a nolo la mattina dell'attentato, con a bordo Maurizio Costanzo e Maria De Filippi, che, dopo la registrazione del Maurizio Costanzo Show, stanno facendo ritorno a casa. Fortunatamente non ci sono vittime e si riscontrano solo lievi ferite a due agenti privati della scorta.

Il periodo dell'attentato a Costanzo è quello dell'escalation della mafia degli anni '90: gli omicidi di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, la bomba a Firenze agli Uffizi.

Da marzo 2005 conduce una serie di speciali contro la mafia su Canale 5 all'interno di Diario.


Altre attività [modifica]
Costanzo possiede aziende specializzate nella comunicazione e nell'immagine ed opera per conto di aziende e personaggi pubblici (ha curato, tra l'altro, l'immagine dell'ex Presidente della Camera dei Deputati, Irene Pivetti e del politico Massimo D'Alema).

Assieme alla moglie Maria De Filippi ha creato una società di produzione, la Fascino, che produce i programmi della coppia.

Nel giugno del 2007 ha suscitato scalpore la notizia (riferita dal quotidiano Il Giornale) secondo cui al presentatore sono stati versati dalla Telecom ben sette milioni di euro per le sue attività di consulenza. La scoperta, fatta dalla Guardia di Finanza nell'ambito delle indagini condotte sulle spese sostenute dal gruppo telefonico, è stata confermata dallo stesso Costanzo, il quale continua a sostenere l'assoluta regolarità di queste operazioni. Le Fiamme Gialle non hanno tuttavia trovato alcuna traccia delle prestazioni professionali che avrebbero dovuto giustificare simili esborsi.


Curiosità [modifica]
La sezione «Curiosità» è sconsigliata dalle linee guida di Wikipedia.
La voce può essere migliorata integrando i contenuti rilevanti nel corpo della voce e rimuovendo quelli inappropriati.
Le trasmissioni Bontà loro del 1976, Acquario del 1978, Grand'Italia del 1979 sulla RAI e la prima edizione del Maurizio Costanzo Show su Rete4 nel 1982 sono state realizzate negli studi e teatri di posa di Piazzale Clodio a Roma dove poi succesivamente sono stati realizzati programmi come Il pranzo è servito dal 1984 al 1988 e dal 1991 al 1992, Zig Zag dal 1984 al 1986 e Agenzia Matrimoniale dal 1989 al 1994. Oggi questi studi sono stati dismessi e adesso al loro posto c'è un supermercato.
Nonostante Costanzo venga chiamato con l'appellativo di dottore, non si è mai laureato.Ha dichiarato al settimanale «Epoca» il 30 novembre del 1993. «Mi sono diplomato soltanto e invece di andare all'Università mi misi a fare il giornalista a "Paese Sera". Ero volontario, come si diceva allora. Cioè lavoravo e non pigliavo una lira».1 É in ogni caso docente di Teoria e tecniche del linguaggio televisivo presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell'Università La Sapienza di Roma.
Ha curato la prefazione del libro sulla vita di Costantino Vitagliano, "Costantino Desnudo"
Nel 2004 ha adottato un ragazzo adolescente, Gabriele, con la moglie Maria De Filippi

Bibliografia [modifica]






La morte

Borsellino ha un forte rapporto con la morte; è presente in ogni parte della sua vita.

Teme per gli altri, per la sua famiglia, per I ragazzi della scorta. E’ molto protettivo con i suoi collaboratori e con la sua famiglia. Parla spesso della morte un po’ per scherzarci sopra un po’ per ricordarsi sempre che non è poi così lontana. "Se muoio adesso, il mio compito l’ho svolto".

Ha visto morire molte persone, uomini di valore morale ed intellettuale e sa benissimo di non essere esente da una fine simile. Eppure a volte scherza con la morte, se ne prende gioco, ci ride sopra con un unico cruccio: quello di aver preparato i propri figli ad affrontare la vita.

"Non sono né un eroe né un kamikaze, ma una persona come tante altre. Temo la fine perché la vedo come una cosa misteriosa, non so quello che succederà nell’aldilà. Ma l’importante è che sia il coraggio a prendere il sopravvento...Se non fosse per il dolore di lasciare la mia famiglia, potrei anche morire sereno".


http://www.facultatieve-technologies.it/webgen.aspx?pageID=1072&framesetID=&websiteID=34

http://www.facultatieve-technologies.it/webgen.aspx?p=1061&o=3174


http://www.alea-italia.it/list.aspx?fk_categoria=23&fk_lingua=1

cosa ne pensa horst teppert?

cosa ne pensa arnold schwarzenegger?

WWW.SCHWARZENEGGER.COM

www.terminator3.it

cosa ne pensa Bolo yeung?

cosa ne pensa ivan drago?

cosa ne pensa abdel qissi?

http://www.youtube.com/watch?v=47ztHgPfGDQ

http://www.youtube.com/watch?v=oO9sDcpKh2E

http://www.xtutto.com/option,com_seyret/task,videodirectlink/Itemid,2/id,440.html


http://www.imdb.com/name/nm0702678/

http://imagecache2.allposters.com/images/pic/MG/204203~Lion-Heart-Posters.jpg


http://www.karate-contact.eu/admin/images/upload/attila.gif


http://www.karate-contact.eu/admin/images/upload/vandamme11.jpg


http://images.amazon.com/images/P/0783114885.01.LZZZZZZZ.jpg

http://www.bsospirit.com/comentarios/images/lionheart/lionheart.jpg

http://www.mouseketeerlonnieburr.com/New_Folder/Copy_of_LIONHEART2SHOTwbs.jpg

dario trivelli ha detto...

http://www.bionetonline.org/italiano/Content/sc_cont4.htm

La clonazione umana: panorama generale



Clonare significa produrre una copia geneticamente uguale di un individuo.

La procedura è la seguente: gli scienziati otterrebbero il DNA partendo da una cellula epidermica e lo collocherebbero nell'ovulo di una donna da cui sia stato precedentemente estratto il DNA. Una scintilla elettrica dividerebbe l'ovulo e, dopo alcuni giorni, si otterrebbe un embrione uguale all'altro.

La stampa ha parlato molto della clonazione umana. In realtà, la maggior parte degli scienziati non è interessata a realizzare cloni umani. Quello che gli scienziati tentano di fare è produrre cellule umane clonate che possano essere utili nella cura di alcune malattie.

Ecco come potrebbe funzionare: immagina di avere una malattia che sta distruggendo lentamente parte del cervello. I trattamenti attuali riuscirebbero appena a ridurre i sintomi, mentre la malattia continuerebbe a provocare lesioni a livello cerebrale. La clonazione offrirebbe quindi una speranza di cura.

Gli scienziati produrrebbero un embrione clonato utilizzando il DNA delle tue cellule epidermiche. In seguito, preleverebbero le cellule staminali da questo embrione, trasformandole in cellule cerebrali, da trapiantare infine nel cervello.

La clonazione è un modo diverso di utilizzare le cellule staminali per curare determinate malattie. Alcune persone preferiscono questo modo di ottenere cellule staminali. Alla fine, un embrione clonato è una copia genetica di una persona viva e consenziente. È ovvio che tutti noi abbiamo il diritto di decidere cosa fare con il nostro DNA, no?

Al contrario, un embrione congelato in clinica è stato creato a partire dall'unione di sperma e ovulo. Questa unione si verifica solo una volta, producendo un insieme unico di geni che possono potenzialmente diventare un individuo unico.

Quindi, quale l'opzione migliore?


Che cosa sono le cellule staminali?
Da dove provengono gli embrioni umani?
Altre fonti umane di cellule staminali
La clonazione umana: panorama generale
La clonazione umana: i rischi


Castellano
Català
Dansk
Deutsch
English
Français
Italiano
Português
Suomi
Svenska





©2003 bionet

dario trivelli ha detto...

http://www.bionetonline.org/italiano/Content/sc_cont4.htm

La clonazione umana: panorama generale



Clonare significa produrre una copia geneticamente uguale di un individuo.

La procedura è la seguente: gli scienziati otterrebbero il DNA partendo da una cellula epidermica e lo collocherebbero nell'ovulo di una donna da cui sia stato precedentemente estratto il DNA. Una scintilla elettrica dividerebbe l'ovulo e, dopo alcuni giorni, si otterrebbe un embrione uguale all'altro.

La stampa ha parlato molto della clonazione umana. In realtà, la maggior parte degli scienziati non è interessata a realizzare cloni umani. Quello che gli scienziati tentano di fare è produrre cellule umane clonate che possano essere utili nella cura di alcune malattie.

Ecco come potrebbe funzionare: immagina di avere una malattia che sta distruggendo lentamente parte del cervello. I trattamenti attuali riuscirebbero appena a ridurre i sintomi, mentre la malattia continuerebbe a provocare lesioni a livello cerebrale. La clonazione offrirebbe quindi una speranza di cura.

Gli scienziati produrrebbero un embrione clonato utilizzando il DNA delle tue cellule epidermiche. In seguito, preleverebbero le cellule staminali da questo embrione, trasformandole in cellule cerebrali, da trapiantare infine nel cervello.

La clonazione è un modo diverso di utilizzare le cellule staminali per curare determinate malattie. Alcune persone preferiscono questo modo di ottenere cellule staminali. Alla fine, un embrione clonato è una copia genetica di una persona viva e consenziente. È ovvio che tutti noi abbiamo il diritto di decidere cosa fare con il nostro DNA, no?

Al contrario, un embrione congelato in clinica è stato creato a partire dall'unione di sperma e ovulo. Questa unione si verifica solo una volta, producendo un insieme unico di geni che possono potenzialmente diventare un individuo unico.

Quindi, quale l'opzione migliore?


Che cosa sono le cellule staminali?
Da dove provengono gli embrioni umani?
Altre fonti umane di cellule staminali
La clonazione umana: panorama generale
La clonazione umana: i rischi


Castellano
Català
Dansk
Deutsch
English
Français
Italiano
Português
Suomi
Svenska





©2003 bionet

Anonimo ha detto...

caro pezzo di merda che ti firmi a mio nome, sono lieto di annunciarti che ho sporto formale denuncia querela nei tuoi confronti. so benissimo chi sei, quello che non so è cosa ti passa per la mente;fatti curare, è un consiglio che già al liceo ti avevo dispesato, Mi hai stufato, finiscila di usare il mio nome e abbi il coraggio di firmare le nefandezze che la tua mente malata partorisce con il tuo nome.
Firmato il vero Dario Trivelli